All posts filed under: Km0 – delizie del territorio

LSDM a Milano svela i segreti della pizza napoletana e delle eccellenze gastronomiche partenopee

Il primo febbraio Le strade della Mozzarella ha festeggiato il suo decimo anniversario a Milano, con un doppio appuntamento con le eccellenze gastronomiche della cucina partenopea, prima tra tutte la pizza napoletana. Al Lentini’s Pizza&Restaurant di Brera, si è parlato di pizza napoletana con ospiti di eccezione come Gino Sorbillo, che ha aperto il congresso con la sua pizza gentile, nata in via dei tribunali a Napoli e poi esportata in tre differenti locali Milanesi, tra cui Lievito Madre al Duomo. Il suo impasto fatto di acqua, sale, farina e lievito naturale viene lavorato per non più di 15 minuti, diviso in pagnotte e lasciato riposare per 8-10 ore, prima di essere farcito con ingredienti di qualità come la mozzarella di bufala e i pomodori datterini gialli. Gino racconta che il segreto della vera pizza napoletana è l’impasto, che una volta cotto deve restare morbido al centro: tagliando uno spicchio e prendendolo in mano, la punta dovrà rivolgersi verso il basso o verso l’alto, non restare dritta. A questo punto, il trucco per degustare al meglio ogni singola fetta sarà quello di racchiudere la …

Bagna Cauda Day: tre giorni di festa per la specialità piemontese

Può piacere o non piacere. Perché di certo è un piatto dal gusto deciso, intenso, che non prevede mezze misure. Ma da piemontese doc credo che ogni “esploratore gastronomico”dovrebbe provarlo almeno una volta nella vita, se non altro per il suo gusto unico. E questa è l’occasione perfetta, la sua festa: il Bagna Cauda Day. Anche quest’anno infatti ad Asti e in altre località piemontesi, in Valle D’Aosta e in Liguria (ma addirittura in altre parti del mondo) si dedica un intero weekend alla specialità simbolo della tradizione gastronomica piemontese a base di acciughe, aglio e olio per riscoprirne la tradizione e la convivialità. In programma una carrellata di appuntamenti accomunati dalla preparazione della celebre salsa, da condividere fra tante location monferrine e non solo. Si potranno scegliere e prenotare i posti nelle cantine e nei ristoranti che propongono la Bagna Cauda nei tre giorni della manifestazione: venerdì 25 (cena), sabato 25 (pranzo e cena), domenica 27 novembre (pranzo e cena) . Il costo è lo stesso ovunque: 25 euro con una bottiglia di vino a 8 euro. A Casale Monferrato gli storici …

La povertà aguzza l’ingegno: la Raspadura Lodigiana

Di tutte le specialità della mia zona, ovvero il lodigiano, la Raspadura è sicuramente la regina, nonché un formaggio a me molto caro (non a caso le ho riservato un posto di tutto rispetto anche anche nel mio banchetto nuziale). Per questa ragione voglio raccontarvi la sua storia, peraltro divertente e singolare. Partiamo dall’inizio. In principio fu il “Granone Lodigiano”: mitico capostipite di tutti i grana, conosciuto e apprezzato fin dal medioevo, ma sfortunatamente per i nostri palati “estinto” alla fine degli anni ’70. Questo glorioso antenato, prodotto con il latte delle vacche Brune Alpine alimentate a foraggio di trifoglio e marcite, in fase di stagionatura creava una microflora batterica che conferiva al Granone Lodigiano la sua caratteristica peculiare: la lacrima di siero all’interno delle occhiature (bolle di gas che si sviluppano nei formaggi a causa delle fermentazioni batteriche). Fino qui tutto bene. Peccato però che questo punto di forza fosse anche la debolezza dello stesso formaggio. Sì, perché nei primi sei mesi di stagionatura, molte forme scoppiavano o creavano cavità a causa di questo difetto di …

L’infanzia spiega sempre tutto. Benvenuti a Il Pelo nell’uovo

Benvenuti! Quando ero piccola non ho mai potuto mangiare quello che volevo. La parola d’ordine nella mia famiglia – in parte per un’ inclinazione pseudo-salutista, in parte per una mentalità rigida e poco godereccia – è sempre stata solo una: moderazione. Ovvero cibi sani, leggeri, poco conditi e in quantità limitata. Un’infanzia difficile, gastronomicamente parlando. Per contrappasso, da grande, come nelle migliori famiglie, sono diventata una “mangiona”. Molto della mia vita ruota intorno al cibo, perché amo mangiare bene, molto saporito e sono quel che si definisce “una buona forchetta”. Il cibo è diventato per me uno dei grandi piaceri dell’esistenza. Da coltivare, con passione, giorno dopo giorno, andando alla scoperta di nuovi sapori, piatti, abbinamenti, ristoranti. Ecco perché ho deciso di dedicarci un blog, sito o magazine, come lo volete chiamare. Qui troverete poche ricette (il web ne è già stracolmo), molti consigli su posticini da sperimentare a Milano e dintorni, conoscerete la genesi di piatti e specialità italiane, avrete informazioni sulle eccellenze locali (perché anche a casa bisogna trattarsi bene) ma anche sugli …