All posts filed under: Food on the road

Lost in Chile Chapter 2: la regione dei Laghi

L’arrivo a Puerto Montt non è dei più semplici. Dopo 17 ore di volo sbarchiamo finalmente nella Capitale della Regione dei Laghi. Sbrigate le burocrazie aeroportuali usciamo dal terminal per respirare l’aria di questo lembo di Sud America. Si scrive Regione dei Laghi ma si pronuncia Patagonia Norte. Infatti, nella migliore tradizione patagonica, ci accoglie un cielo plumbeo carico d’acqua e di vento. Sarà per la stanchezza del viaggio o per il fuso, ma la scena ci deprime. Saliamo sul primo taxi, direzione “Hotel Versalles”, una sorta di Overlook Hotel locale, dove a causa della bassa stagione non c’è quasi nessuno. La stanza, una piazza d’armi, è confortevole e anonima. Il largo finestrone affaccia sulla baia dalla quale ogni tanto si stacca un peschereccio, che quasi timidamente sembra cercare il coraggio di lasciare l’approdo per navigare in un mare così difficile. Ceniamo in una piccola sala, ordinando salmone ed un piatto di ravioli, che sono il perfetto emblema dell’albergo: anonimi. L’unica cosa memorabile è il vino cileno, con cui facciamo pronta conoscenza. La mattina successiva …

Gnam Gnam Style: alla scoperta della cucina coreana

Un viaggio tra i profumi e i gusti della cucina coreana Eccoci nel futuro, eccoci sbarcati in Corea del sud. Altissimi grattacieli ci coprono la testa, mille luci, gente ovunque, profumo di cibo tipico della cucina coreana e una città che sembra non fermarsi mai: siamo arrivati a Seul. La Corea del Sud è un mix di cultura millenaria molto radicata, con i suoi templi, le sue statue, tutto però perfettamente mixato ad un futuro che sembra ad ogni angolo fremere dalla voglia di superarsi. Le tappe di questo viaggio sono state Seul, Gyongiu, una fuga in un temple stay e Busan. Un viaggio alla ricerca del futuro, ma anche della cultura di questo paese straordinario. Un aspetto importantissimo della cultura Coreana è la ricerca della bellezza fisica: tutti magri, sportivi, belli e curati… ma come è possibile? Subito surfata su internet e scopro che la Corea del Sud è la Patria asiatica della chirurgia estetica, del fitness e della buona cucina. Camminando per strada resto stupito da questa perfezione. Si, in Corea sono tutti …

Lost in Chile – chapter 1. Alla scoperta del vino cileno

A cura di Nicola Boccalini Il 2016 che si è appena chiuso è stato un anno molto particolare per me: dopo un grave incidente (da cui fortunatamente mi sono ripreso), mi sono sposato e ho fatto un viaggio di nozze meraviglioso, un gran tour del Cile. Cile che in prima battuta significa natura incontrastata: la Patagonia con i suoi preziosi parchi naturali; i paesaggi sterminati delle pampas; il deserto di Atacama. Scegliendo di fare un viaggio di nozze così, Letizia ed io, siamo stati costretti a sacrificare molti altri aspetti, come ad esempio quelli più artistici e tradizionalmente culturali. Tuttavia mentre ci trovavamo a Puerto Natales, capoluogo della provincia dal nome evocativo di “Ultima Esperanza”, la titolare del delizioso ristorante “Aldea” ci suggerisce di visitare la regione vinicola di Casablanca, che si trova tra la città di Valparaiso e la capitale Santiago. Il Cile ormai da molti decenni si colloca nell’eccellenza dei produttori di vino a livello internazionale. I distretti più riconosciuti di questa produzione sono sicuramente la Maipu Valley e la Colchagua Valley, entrambe a sud di Santiago. In queste zone …

Irlanda. Viaggiando, gustando, birrando. Love it.

Immaginate di passeggiare per la spumeggiante Dublino oppure di trascorrere una giornata a fare foto lungo la spettacolare Wild Atlantic Way dove gli occhi si nutrono di scogliere mozzafiato come le Cliff of Moher, immaginate poi di passeggiare lungo una bellissima spiaggia della Dingle Peninsula, o di trovarvi in sella ad una bici pedalando nel meraviglioso parco di Killarney. Nelle orecchie come sottofondo la musica dei Passengers o dei Marford&Sons. Ora chiudete gli occhi e lasciatevi trasportare in questi luoghi. È tutto perfetto! A questo punto aggiungete a cotanta bellezza della pioggia torrenziale e un vento che soffia a Mille nodi… e così, immediatamente vi ritroverete come l’irlandese imbruttito a dire “NEVER A JOY” Ecco: questa è l’Irlanda per me: una terra meravigliosa, dove il cielo è talmente vicino che si ha l’impressione sia sufficiente alzare la mano per afferrarlo, dove il blu del mare e il verde dei prati sembrano fare a gara per riuscire ad incantarti per primo, un paese con un clima non propriamente mite, abitato da gente estremamente accogliente e disponibile. …

Beach, beer and Barbecue: siamo in Australia

Tutti noi abbiamo un elenco di cose che vorremmo fare nella vita, tra le mie, in cima alla lista, c’era di vivere e lavorare per un periodo in Australia. E così dopo la laurea, ottenuto un working holiday visa, con un biglietto aereo e pochi soldi in tasca, inizia il mio sogno australiano. Dopo un non precisato numero di ore di volo atterro finalmente a Sydney carico di aspettative e di sogni. Abiterò a Bronte Beach, a pochi passi dalla famosissima Bondie Beach. Da subito capisco che per sentirmi davvero Australiano e non semplicemente un backpacker, devo anch’io avere nel cuore quelle che molti definiscono le tre B: Beach, beer and Barbecue. L’amore per le spiagge non è stato così difficile da provare, è uno di quegli amori che come un treno ti travolge e non ti abbandonerà mai, anche per chi, come me, ha dovuto per necessità sostituire la visione dell’oceano con quella della tangenziale est di Milano (Stop…. Pausa…. Ohm… ohm… ok…superata…. Proseguo) Le birre, beh, loro sono campagne fedeli ormai da anni. Gli australiani …

L’infanzia spiega sempre tutto. Benvenuti a Il Pelo nell’uovo

Benvenuti! Quando ero piccola non ho mai potuto mangiare quello che volevo. La parola d’ordine nella mia famiglia – in parte per un’ inclinazione pseudo-salutista, in parte per una mentalità rigida e poco godereccia – è sempre stata solo una: moderazione. Ovvero cibi sani, leggeri, poco conditi e in quantità limitata. Un’infanzia difficile, gastronomicamente parlando. Per contrappasso, da grande, come nelle migliori famiglie, sono diventata una “mangiona”. Molto della mia vita ruota intorno al cibo, perché amo mangiare bene, molto saporito e sono quel che si definisce “una buona forchetta”. Il cibo è diventato per me uno dei grandi piaceri dell’esistenza. Da coltivare, con passione, giorno dopo giorno, andando alla scoperta di nuovi sapori, piatti, abbinamenti, ristoranti. Ecco perché ho deciso di dedicarci un blog, sito o magazine, come lo volete chiamare. Qui troverete poche ricette (il web ne è già stracolmo), molti consigli su posticini da sperimentare a Milano e dintorni, conoscerete la genesi di piatti e specialità italiane, avrete informazioni sulle eccellenze locali (perché anche a casa bisogna trattarsi bene) ma anche sugli …