Month: marzo 2017

I 7 interventi da non perdere a Identità Golose

Forza della libertà il tema di quest’anno Ci siamo quasi… ancora poche ore e si apriranno le porte di Identità Golose 2017, edizione incentrata sul tema della forza della libertà, che passa attraverso la suggestione del viaggio, sempre presente in tutto quello che consumiamo. Nell’Auditorium si alterneranno i più importanti chef italiani come Massimo Bottura, Enrico Bartolini, Carlo Cracco, Niko Romito ed Enrico Crippa, accompagnati anche da un nutrito palinsesto internazionale con Paul Pairet e Mauro Colagreco. Gli interventi da non perdere Nel programma che comprende oltre 90 interventi, abbiamo selezionato per voi quelli assolutamente da non perdere: 1. Valeria Margherita Mosca, Thinking like a forest (Identità naturali — 4 marzo): Valeria Mosca è l’ideatrice di Wood*ing, un laboratorio di ricerca e sperimentazione situato a Seregno, che studia e cataloga materie prime selvatiche, organizzando corsi di formazione e cene degustazione. A Identità parlerà del foraging e dei suoi impieghi in cucina. 2. Enrico Bartolini, Sapori sostenibili (Identità naturali — 4 marzo): dopo il pieno di stelle fatto quest’anno con l’Enrico Bartolini al Mudec di Milano, il Casual di Bergamo …

Lost in Chile Chapter 2: la regione dei Laghi

L’arrivo a Puerto Montt non è dei più semplici. Dopo 17 ore di volo sbarchiamo finalmente nella Capitale della Regione dei Laghi. Sbrigate le burocrazie aeroportuali usciamo dal terminal per respirare l’aria di questo lembo di Sud America. Si scrive Regione dei Laghi ma si pronuncia Patagonia Norte. Infatti, nella migliore tradizione patagonica, ci accoglie un cielo plumbeo carico d’acqua e di vento. Sarà per la stanchezza del viaggio o per il fuso, ma la scena ci deprime. Saliamo sul primo taxi, direzione “Hotel Versalles”, una sorta di Overlook Hotel locale, dove a causa della bassa stagione non c’è quasi nessuno. La stanza, una piazza d’armi, è confortevole e anonima. Il largo finestrone affaccia sulla baia dalla quale ogni tanto si stacca un peschereccio, che quasi timidamente sembra cercare il coraggio di lasciare l’approdo per navigare in un mare così difficile. Ceniamo in una piccola sala, ordinando salmone ed un piatto di ravioli, che sono il perfetto emblema dell’albergo: anonimi. L’unica cosa memorabile è il vino cileno, con cui facciamo pronta conoscenza. La mattina successiva …